Piazza Emilio Bossi 7
CH-6906 Lugano Cassarate
Tel. 0041 (0)91 973 48 00
arte@villacastagnola.com

“Kopf”, 1990
  Bronze geschweißt,
  farbig gefasst

Dal 24 gennaio al 24 maggio 2008

MICHAEL CROISSANT

KÖPFE

"Mi vedo molto legato alla tradizione"

Michael Croissant ha segnato in maniera inconfondibile la storia dell'arte scultoria tedesca più recente. Grazie alle innovazioni sculturali dei nostri tempi, egli - sin dagli inizi - è riuscito a far passare la sua voce. Lo ha fatto in maniera sorprendentemente silenziosa, ma con una serenità e una forza che denotano grande superiorità.

Le forme di Croissant, che a partire dalla metà degli anni Settanta seguono un progetto costruttivo, le sue superfici che egli fonde l'una con l'altra e le quali, per mezzo delle loro delicate convessità, danno da un lato respiro allo spazio e dall'altro si inseriscono fluidamente nello stesso, le sue linee che sempre dominano e rilevano un contegno audace e severo, le sue molteplici patinature, tramite le quali le sue figure interagiscono individualmente con la luce: tutti questi elementi contribuiscono a plasmare un'opera di rara purezza e autenticità.

Per dar vita all'essenza corporea e mettersi al servizio di principi quali dimensione e proporzione, carattere e dignità, Croissant non esita a tirarsi indietro in maniera evidente. In lui questo ritirarsi non è un atteggiamento, bensì testimonia la sua grande, genuina modestia. Per questa ragione - in tutta oggettività - ha potuto affermare: "Mi vedo molto legato alla tradizione".

Dr. Christa Lichtenstern Professoressa all’Università di Saarbrücken
Estratto da „Der Bildhauer Michael Croissant“ mit dem Werkverzeichnis der Skulpturen



Print this page